sabato, settembre 22

Calderà, la tempesta dopo la festa. Perchè tanta inciviltà?

La tempesta dopo la festa. Le spiagge di Spinesante, Calderà e Cicerata oggi si sono presentate sporche, piene di rifiuti lasciati da chi, ieri sera, nel rispetto della tradizione del falò (o barbecue, che dir si voglia) di San Rocco, si è soffermato con amici o familiari in riva al Mare aspettando il passaggio della barca con a bordo il simulacro del Santo.

Aspettare San Rocco sulla sabbia o in acqua è un rito, qualcosa che fa parte del DNA dei barcellonesi. La festa di San Rocco è devozione e identità. E’ anche l’occasione per trascorrere una serata in spiaggia in allegria e divertimento. Il punto è proprio questo.

Perché divertirsi e sporcare? Perché non lasciare la spiaggia nelle condizioni in cui la si è trovata affinché anche altri possano usufruirne per divertirsi? Ci vuole tanto a raccogliere i propri rifiuti o avanzi di cibo in un sacco della spazzatura e poi andarli a depositare in un cassonetto? E’ così difficile, almeno per una volta, rispettare l’ambiente e la natura?

E’ così difficile comportarsi da persone civili?

Beh, noi non lo crediamo. Noi crediamo che basti poco per dare il buon esempio e per rispettare l’ambiente, se stessi e il prossimo.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi