sabato, settembre 22

Concorso per 51 posti al Comune di Messina, specchietto per le allodole e spot elettorale

“Il concorso per 51 posti al Comune di Messina rischia di rimanere al momento solo il classico specchietto per le allodole a causa di un troppo avventato annuncio fatto rispetto invece ad alcuni passaggi giuridici che ancora sembrano essere allo stato embrionale!”. Così il consigliere comunale Libero Gioveni ha giudicato il modus operandi dell’Amministrazione in Consiglio Comunale durante l’ultima seduta dedicata al “Question time” in cui si è discussa la sua interrogazione presentata sull’argomento, stigmatizzandone la troppa superficialità con cui l’anno scorso si è voluto annu
nciare qualcosa che a questo punto sembra aver assunto solo i contorni di uno “spot elettorale”.
“Non è giusto illudere migliaia di messinesi in cerca di un’occupazione quando non si hanno le necessarie certezze dettate dalla burocrazia – commenta stizzito Gioveni, che ricorda: le norme sono chiare, non si può procedere al concorso pubblico se non prima avvengono alcuni passaggi amministrativi (oltre naturalmente all’approvazione di tutti i Bilanci dell’Ente richiesti dal Ministero che si deve esprimere sul piano delle assunzioni presentato dall’Amministrazione).
La L.R. n. 27 del 29 dicembre 2016, infatti – prosegue il consigliere – ha stabilito all’art. 2 che prima di ogni procedura di assunzione pubblica devono essere attivate le procedure di mobilità riservate al personale in esubero delle ex Province regionali (oggi Città Metropolitane o Liberi Consorzi), che però ad oggi non risultano ancora attivate perché la Regione Siciliana non ha ancora stabilito le regole di gestione del processo di mobilità.
A questo fondamentale passaggio, inoltre – rimarca ancora l’esponente del gruppo Misto –occorrerebbe anche procedere alla mobilità esterna volontaria che evidentemente ha i suoi tempi!
Basta quindi con questi annunci “ad effetto” se non si ha la certezza di avere snellito prima tutte le procedure amministrative propedeutiche al “concorsone”! –chiosa Gioveni, che conclude invitando l’Amministrazione a non sbilanciarsi più su questioni cardine, come il lavoro e la casa, che da sempre purtroppo hanno rappresentato, da destra a sinistra passando per il centro, il “leitmotiv” di tutte le campagne elettorali”.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi