sabato, Agosto 8
Shadow

Il comitato No CSS contesta la scelta di consiglio comunale aperto a Milazzo: “Servono azioni concrete”

Il comitato NO CSS Inceneritore Valle del Mela contesta la scelta del presidente del consiglio comunale di Milazzo di convocare un consiglio comunale aperto sull’incredibile aumento delle malattie congenite.

“È finito il tempo delle chiacchiere – si legge in una nota –  i cittadini vogliono fatti concreti dalla politica. Il consiglio comunale è l’espressione istituzionale dei cittadini e deve prendere urgentemente una posizione con un’azione concreta e reale. Non ha nessun senso parlare del drammatico studio senza intervenire. Il consiglio comunale aperto inoltre non permette all’organo consiliare di deliberare. È finito il tempo del populismo e della strumentalizzazione. Lo studio è chiaro, comprensibile a tutti e ci indica una chiara emergenza sanitaria nel comprensorio della Valle del Mela. Non ha bisogno di ulteriori approfondimenti o discussioni per intraprendere un percorso a tutela della collettività. Quando si doveva intervenire a difesa della salute pubblica però in quell’occasione abbiamo assistito ad un silenzio istituzionale non accettabile. Ci riferiamo al riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale della Raffineria di Milazzo sede per imporre l’abbattimento degli agenti inquinanti tramite l’applicazione delle migliori tecnologie disponibili. Inoltre nessuna iniziativa sulla scomparsa delle prescrizioni sanitarie in seguito ad un accordo sottoscritto dal sindaco con l’azienda su iniziativa di qualche sigla sindacale. Lì bisognava intervenire seriamente. Il civico consesso invii alla competente direzione generale del ministero dell’ambiente un atto deliberativo con il quale si chiede il Riesame dell’AIA della Raffineria di Milazzo anche in considerazione del nuovo studio sanitario. Nel contempo impugni dinanzi al Tribunale Amministrativo il decreto autorizzativo AIA rilasciato dal Ministro dell’ambiente e chieda con forza e determinazione al Ministero della Salute e all’Assessorato regionale Sanità sorveglianza sanitaria ed epidemiologica, al Ministero dell’Ambiente l’avvio delle bonifiche e alla Regione Siciliana l’approvazione e il finanziamento del piano di risanamento ambientale. Questi sono atti concreti nell’interesse dei cittadini. Adesso il consiglio comunale dimostri da quale parte sta”.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi