venerdì, Ottobre 22
Shadow

Lo chef messinese Caliri a Palermo per la presentazione della Guida ai Ristoranti di Repubblica

Busiate di Tumminia, ragout di polpo e spuma di patata” un concentrato di sicilianita’ la ricetta di Pasquale Caliri chef del Marina Del Nettuno Yachting Club di Messina per la guida delle eccellenze siciliane presentata ieri a Palermo.

La nuova edizione della “Guida ai sapori e ai piaceri della Sicilia”è stata presentata da Giuseppe Cerasa, direttore delle Guide di “Repubblica”, che ha spiegato come questo volume aggiorni una geografia di esperienze e sapori che fanno dell’Isola un luogo unico da visitare e da amare.

La grande ricchezza tutta siciliana legata al mangiare bene e ai vini di qualità si declina attraverso 905 ristoranti, 600 botteghe del gusto, 77 produttori di vino. Poi le 107 dimore di charme che coniugano la proverbiale ospitalità siciliana con l’eleganza, la storia e la bellezza dei paesaggi. Ma la Sicilia non può essere raccontata senza i suoi dolci, dai classici cannoli e cassate ai più particolari ‘mpanatigghi o alle “ossa di morto” delle festività: a loro è dedicata una sezione, ricca di curiosità, preparazioni, tradizioni e con gli indirizzi più interessanti per scoprire o apprezzare la maestria dei pasticcieri siciliani.

Trentasette chef siciliani illustrano una loro ricetta sul tema del mare, dai gourmet più famosi alle trattorie. Infine dieci piatti della memoria siciliana, dagli spaghetti alla Norma al biancomangiare alle mandorle, dal pescestocco alla ghiotta ai maccaruni, raccontati da altrettanti cuochi e cuoche nostri lettori che si sono prestati all’iniziativa.

La guida, in edicola e in libreria dal 15 luglio, è stata presentata oggi a partire dalle 19 al ristorante Branciforte, all’interno dell’omonimo Palazzo, in via Bara all’Olivella, a Palermo. Il programma della serata prevede la premiazione di 36 aziende di vino siciliane che hanno ottenuto le cinque stelle. Agli ospito è stato servito un piccolo assaggio a cura di Gaetano Billeci, patron chef di Palazzo Branciforte, e Pino Cuttaia, patron chef del ristorante due stelle Michelin “La Madia” di Licata, e i fritti dei “Cuochini”.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi