martedì, agosto 14

Il Messina brinda al nuovo anno con una vittoria, superato di misura il Portici

Il Messina appesantito dal lavoro fisico svolto durante la sosta Natalizia, ha vinto di misura contro il Portici, ma ha davvero rischiato parecchio. Il gol della vittoria è stato siglato dal “cobra” Ragosta, subentrato nella ripresa al posto di Cocuzza. Decisivo anche il portiere classe 2000 Meo, che ha salvato la porta giallorossa in due occasioni, parando anche un rigore.

La partita inizia subito a ritmi blandi, con Yeboah che al 13′ ci prova dalla distanza, ma il suo tiro viene deviato in corner. Al 23′ gli ospiti si rendono pericolosi, ma il portiere Meo compie una bella prodezza e salva la sua porta. Il Portici è più spigliato dei giallorossi ed al 27′ sfiora nuovamente il vantaggio. Un minuto dopo l’arbitro fischia un penalty per un fallo di Cassaro Su Murolo. Si incarica della battuta Sandu e Meo para con i piedi, mettendo un bel sigillo al suo posto da titolare. Al 36′ Lavrendi è servito bene da Bruno, ma il suo tiro di sinistro è impreciso. Al 42′ Il Portici riparte in contropiede, in area si trovano tre calciatori contro un solo difensore del Messina, ma l’ultimo passaggio è da dimenticare ed i napoletani sciupano nuovamente una ghiotta e netta azione da rete. Dopo un minuto di recupero le squadre vanno al riposo.

La prima occasione della ripresa è sui piedi di Cocuzza che cincischia troppo e spreca tutto. Inizia la girandola dei cambi da una parte e dall’altra. Modica inserisce prima Bettini, poi Ragosta e Mascari per dare maggiore incisività dalla cintola in su. Le mosse del tecnico peloritano si rivelano vincenti, infatti al 30′ il Messina confeziona un’azione da rete grazie a Lavrendi, che appoggia su Bettini, il quale serve benissimo il neo entrato Ragosta. Il “cobra” dribbla un avversario ed infila Sorrentino per la rete del vantaggio: 1-0. Dieci minuti dopo sarà un altro nuovo entrato, Mascari, ad avere una netta occasione da rete, sprecata nella conclusione finale. Dopo 6 minuti di recupero arriva il triplice fischio del direttore di gara. Il Messina non ha fornito una prestazione brillante, ma è stato cinico e fortunato e si gode tre punti che riducono la distanza dai play off che adesso è ad 8 punti. A fine gara mister Modica ha dichiarato che la prestazione sbiadita del Messina sia da addebitare ai carichi di lavoro effettuati durante la sosta Natalizia: “Tra 10-15 giorni, le gambe risponderanno meglio, vedrete”, ha asserito il tecnico.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi