domenica, maggio 27

Muro di cinta di Larderia Inferiore, un pericolo per 100 famiglie

Sono passati sei anni e mezzo dalla prima denuncia sulle condizioni del muro di cinta di Larderia Inferiore, in tutto questo tempo il Comune è intervenuto solo in modo palliativo e la situazione col tempo è peggiorata. Questo muro si estende per circa 25 metri in larghezza e 7 metri in altezza ed ormai ha iniziato a pendere sempre più pericolosamente verso la strada. Il primo intervento risale al 25 novembre 2011, ma solo nell’ultimo periodo il Comune ha preso seriamente la cosa, visto che è stato aperto pure un fascicolo, numero protocollo 224815 del 14/9/2017, correlato da apposita relazione. L’ultimo intervento risale al 25 settembre 2017, in quell’occasione il muro fu recintato la gran parte della strada risultò intransitabile. La situazione, come già spiegato, è davvero pericolosa. Il muro inizia a pendere pericolosamente sempre di più verso la strada e solo per caso non è già caduto di schianto. Ma adesso non si può più scherzare col fuoco, le forti folate di vento e le piogge rendono il muro sempre più instabile e da quelle parti vi transitano abitualmente automobili. Inoltre il muro non rappresenta più alcun tipo di argine per la montagna accanto e ciò è un grave pericolo per gli abitanti della zona. Nelle vicinanze vi risiedono circa 100 famiglie, questo vuol dire che circa 400 persone sono in pericolo, motivo per cui si deve intervenire. Per questo motivo, i rappresentanti di Noi Con Salvini Messina, lanciano una petizione affinchè si provveda alla messa in sicurezza il muro.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi