giovedì, ottobre 18

Operazione Beta, arrivano le prime condanne per 19 inquisiti

Il Gup Carmelo De Rose, nella serata di ieri, ha emesso la sentenza di condanna per gli inquisiti nell’Operazione Beta, che ha svelato una cellula mafiosa legata al cln catanese Santapaola-Ercolano, operante a Messina, con la collaborazione di diversi “colletti bianchi”. In totale sono 19 le condanne e 2 assoluzioni. In particolare Vincenzo Romeo, nipote di Nitto Santapaola, è stato condannato a 15 anni e 2 mesi, Benedetto Romeo a 11 anni, Pasquale Romeo 10 anni, 8 mesi e 20 giorni; Marco Daidone 10 anni, 2 mesi e 20 giorni, Antonio Romeo 10 anni, 10 mesi e 20 giorni,  Biagio Grasso (colllaboratore di giustizia, riconosciute le attenuanti) 6 anni, 4 mesi e 20 giorni, Lorenzo Mazzullo (ex autista della Procura) 3 anni e 6 mesi, Gianluca Romeo 2 nni, 1 mese e 10 giorni, Maurizio Romeo 1 anno, 9 mesi e 10 giorni,  Giovanni Bevilacqua 1 anno, 10 mesi e 20 giorni, Caterina Di Pietro 1 anno, 9 mesi e 10 giorni, Stefano Giorgio Piluso, 1 anno 9 mesi e 10 giorni, Nunzio Laganà 6 mesi (per lui assoluzione per associazione mafiosa), Giuseppe Verde 6 mesi (anch’egli assolto per associazione mafiosa), Marco Guarnieri 1 anno e 4 mesi, Salvatore Lipari 1 anno 5 mesi e 10 giorni, Antonio Lipari 1 anno, 4 mesi e 20 giorni, Fabio Laganà 6 mesi, Antonio Rizzo 3 mesi. Assolti per non aver commesso il fatto Francesco Altieri e Giovambattista Croce.

Le indagini, avviate nel 2013, arrivano alla conclusione il 6 luglio 2017, con ben 30 arresti da parte dei carabinieri del Ros. Le accuse, a vario titolo, erano di  associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, estorsione, corruzione, trasferimento fraudolento di valori, turbata libertà degli incanti, esercizio abusivo dell’attività di giochi e scommesse, riciclaggio, reati in materia di armi ed altro. Per gli inqiurenti, a capo dell’organizzazione mafiosa vi era Vincenzo Romeo, 38 anni, nipote del boss Nitto Santapaola e referente di cosa nostra.

Il 30 giugno 2018, durante l’udienza preliminare, furono chiesti  26 rinvii a giudizio. Lo scorso 21 settembre arrivano le richieste di condanna per gli indagati del processo Beta che hanno scelto l’abbreviato. Ieri la prima sentenza con le condanne.

 

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi