giovedì, Settembre 24
Shadow

Uccise la moglie a bastonate, Faouzi Dridi condannato all’ergastolo

Trascorrerà il resto dei suoi giorni in carcere Faouzi Dridi, l’uomo che il 4 settembre 2015 ha ucciso a colpi di bastone la moglie Omayma Benghaloum. È questa la decisione della Corte d’Assise del tribunale di Messina che ha accolto la richiesta di ergastolo avanzata dal pubblico ministero Pietro Vinci.
Faouzi Dridi ha ucciso la moglie nella casa di Sperone dove vivevano insieme alle quattro figlie. Mentre le bambine dormivano il padre aveva colpito la 33enne tunisina con un bastone. Le aveva sistemato un lenzuolo sopra. Quindi aveva svegliato le figlie – la più grande aveva 13 anni, mentre la più piccola appena due – ed era andato al commissariato Nord dove Omayma lavorava come mediatrice culturale. Qui aveva raccontato ai poliziotti quello che aveva appena fatto. Come poi scoprirono i poliziotti, l’unica colpa della 33enne era stata il tornare a casa tardi dal lavoro due sere prima. C’era stato uno sbarco di migranti e Omayma era rimasta fin dopo la mezzanotte per aspettare di assistere tutti i richiedenti asilo arrivati. Non era però tranquilla e solare come al solito, raccontarono i colleghi agli investigatori della polizia. Era nervosa. Aveva paura che i marito si arrabbiasse. Sapeva che non gradiva che lei tornasse a casa tardi. Lo aveva anche denunciato per maltrattamenti qualche anno prima. Ma poi aveva ritirato la denuncia. La Corte d’Assise (presidente Nunzio Trovato, a latere Giuseppe Miraglia) ha condannato Faouzi Dridi anche al risarcimento alle parti civili da liquidarsi in separata sede civile disponendo anche una provvisionale di 10mila euro per ogni familiare costituito parte civile. I giudici hanno poi liquidato una provvisionale di 2500 euro per il Cedav Onlus “Centro donne antiviolenza”.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi