venerdì, Novembre 15

Un tram chiamato desiderio e mostra sulla storia del trasporto pubblico a Messina

Un viaggio nel passato per comprendere meglio il futuro, ripercorrendo la storia del tram e degli autobus a Messina, scoprendo notizie interessanti sui trasporti pubblici della città peloritana. Tra queste si evidenzia come già negli anni ’20 Messina era all’avanguardia, perché tra le prime città in Italia a passare dal tram a vapore a quello elettrico, grazie alla realizzazione di centrali idroelettriche che servivano sia per l’illuminazione che per i trasporti. Messina ha precorso i tempi in materia mobilità sostenibile passando appunto ai tram elettrici e continua ad esserlo oggi perché è la prima città in Italia per numero di autobus elettrici, rispetto al totale della flotta.

Sarà possibile approfondire questi e altri temi, grazie a due mostre storiche su tram e autobus che saranno inaugurate il prossimo sabato 14 Settembre alle 10.30, nella sala convegni dell’Atm. La prima è una mostra nazionale itinerante intitolata  “Un tram chiamato desiderio”, organizzata da Atm, Safre, Sodalizio Amici Ferrovie Reggio Emilia, e dalle Associazioni e Club Unesco Reggio Emilia, già presentata alla Campionaria di Padova e, che dopo, verrà esposta a Roma in altre città. Nella mostra  curata da Adriano Riatti componente delle Associazioni Club Unesco Reggio Emilia si potranno trovare stampe, disegni, fotografie, modellini sui tram realizzati dalle Officine Meccaniche Reggiane, tra i quali, alcune elettromotrici tipo “Reggio Emilia” acquistati nel 1917 dalla società di trasporti di Messina e utilizzati per il trasporto in città. Presente anche un modellino del tram degli anni ‘20. L’altra mostra intitolata “Il trasporto pubblico a Messina dalle origini ai giorni nostri”, organizzata da Amas, Associazione Mediterranea Autobus Storici e Afs, Associazioni Ferrovie Siciliane, esporrà foto, modellini e una raccolta fotografica sugli autobus che hanno circolato a Messina dal dopoguerra ad oggi; presenti anche pannelli illustrativi sulla storia della vecchia tranvia di Messina soppressa agli inizi degli anni 50, cimeli e materiale storico riguardanti il trasporto pubblico locale a Messina. Alla mostra curata da Francesco Fiumanò esponente di Amas saranno presenti anche dei modellini in scala dei bus in servizio a Messina in passato, realizzati dal messinese Mario Summa. Dopo aver visitato le mostre nel piazzale antistante dell’Atm i visitatori potranno vedere due antichi autobus, uno di proprietà Atm e uno di Amas.

All’inaugurazione delle mostre saranno presenti il Vicesindaco e Assessore ai Trasporti del Comune di Messina Salvatore Mondello, i Commissari liquidatori dell’Atm Roberto Aquila, Piero Picciolo e Fabrizio Gemelli, il consulente di Atm Giuseppe Campagna, il Direttore Generale Natale Trischitta e il Direttore tecnico e di esercizio della tranvia ingegnere Vincenzo Poidomani. Le mostre resteranno esposte dal 14 Settembre al 14 Ottobre e si potranno visitare da lunedì a venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, il sabato solo dalle 10 alle 12. Sarà possibile per gruppi di persone o studenti delle scuole anche prenotare visite in orari e giorni specifici.

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi