martedì, agosto 14

“Zampalesta” e “Bollari: memorie dallo jonio”. Al via il nuovo anno del Teatro dei 3 Mestieri

E’ un fine settimana intenso per il Teatro dei 3 Mestieri di Messina che apre il 2018 con due appuntamenti da non perdere: Venerdì 12 gennaio ore 18.30 secondo appunto della stagione del Teatro Ragazzi conZampalesta u cane tempesta, di e con Angelo Gallo e la regia di Gaspare Nasuto.  Lo spettacolo presentato all’interno della XXV edizione del “Festival Internazionale del Teatro” a Porto Sant’Elpidio ha vinto il premio Otello Sarzi 2014.

Questo spettacolo di burattini tradizionali calabresi nasce dalla collaborazione artistica di Angelo Gallo con Gaspare Nasuto, burattinaio napoletano che dal 1989 ricerca per pulcinella nuove strade drammaturgiche di gusto contemporaneo. Angelo Gallo tenta con questo progetto di far entrare la Calabria nella mappa internazionale delle regioni con la tradizione autentica dei burattini ancora attiva. Prova a far ripartire l’arte dei burattini tradizionali fatti nel modo antico, attraverso la costruzione dei burattini intagliati nel legno dallo stesso burattinaio, la recitazione rigorosamente dal vivo e il movimento dei piccoli attori di legno.

Tutto questo fa dello spettacolo una piccola perla per un pubblico di tutte le età.

In un piccolo paese della calda Calabria, un cane lupo ridotto in catene dal suo padrone, scappa seminando il panico in tutta la comunità. Zampalesta incontra gli archetipi che hanno caratterizzato la terra calabra, in un susseguirsi di scene divertenti scopriremo che Zampalesta è il simbolo della paura verso la diversità o mostruosità degli animali. Sarà proprio il colpo di scena finale che ridarà il giusto equilibrio alla storia. Quando il pubblico capirà che le “buone maniere” non sono ridurre alla catena un uomo o un animale ma è l’insegnamento del rispetto per sé, per gli altri e per la natura.

Sabato 13 gennaio alle ore 21:00 e domenica 14 gennaio alle ore 19.00 per la stagione Teatrale “Con nuovi occhi” è in programma Bollari. Memorie dallo jonio di e con Carlo Gallo, con la collaborazione artistica di Peppino Mazzotta. Lo Spettacolo, prodotto dal Teatro della Maruca è stato selezionato al Festival Primavera Dei Teatri 2015.

Bollari: memorie dallo Jonio racconta di chi, tra i gozzi e i pescherecci, tramanda ancora il sapere. Sono gli Aedi dell’ultimo secolo, dal volto scavato, stanco di rughe, ma hanno il dono di raccontare per sintesi, usando catene di immagini suggestive che non possono essere lette singolarmente, poiché acquistano senso solo nel complesso fatto di gesti, ritmi, ripetizioni. Un patrimonio “letterario” a rischio d’estinzione, che Gallo recupera e offre agli spettatori nello sprazzo magico di una Calabria ancora troppo sconosciuta, ma forse per questo ancor più bella.

 

tgme.it utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tgme.it ha aggiornato la propria Privacy Policy nel rispetto della nuova normativa europea GDPR. Il mancato consenso sui cookie da parte dell'utente non permetterà una corretta visualizzazione del sito stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi